Non chiamateli giornalini! Graphic novel e stampa di qualità

Posted In: Prodotto

Dalle nicchie di appassionati alle classifiche dei libri più venduti, il graphic novel è ormai un genere che si è emancipato dall’etichetta di prodotto editoriale destinato all’infanzia o ai cultori un po’ nerd di fantascienza e supereroi. I volumi di graphic novel sono infatti superbi esempi editoriali che coniugano scrittura e illustrazione divenuti lo strumento di elezione per raccontare storia e attualità.

La narrazione a fumetti si è elevata a strumento di divulgazione e approfondimento sempre più spesso utilizzato per inchieste e per racconti e genere ideale per grandi pubblici, come dimostrano i successi di Zerocalcare e l’uso di questo codice per i commenti ironici di Makkox in TV.

Un prodotto editoriale così maturo non può non tenere conto della qualità di stampa, un aspetto cruciale che può spingere all’acquisto il lettore tra le tante proposte di un affollato scaffale in libreria.

Ecco perché gli editori più accorti si rivolgono a chi può fornire un eccellente servizio di stampa e cura dei dettagli, come ha fatto Round Robin Editrice per la realizzazione del suo nuovo volume: “Oriana Fallaci. Il Vietnam, l’America e l’anno che cambiò la storia” è il graphic novel che abbiamo stampato nel mese di luglio e che arriva in tutte le librerie il 9 settembre 2021.

Un lavoro a regola d’arte in ognuna delle 112 pagine che compongono il volume cartonato, stampato offset 4+4 colori su carta Fedrigoni Arena Ivory Smooth, ovviamente certificata FSC. La copertina presenta un dorso quadro ed è rivestita con carta patinata opaca anch’essa stampata offset. Il libro è confezionato in brossura cucita a filo con capitelli in tinta. 

È stato un bel lavoro di squadra, un processo reso semplice grazie al dialogo instaurato, a uno scambio di idee fluido e a una apertura del cliente alla nostra consulenza. Il risultato è un volume che valorizza il livello autoriale di scrittura e illustrazione e ci lascia pienamente soddisfatti. Ad maiora!

Oriana Fallaci. Il Vietnam, l’America e l’anno che cambiò la storia

Dalla penna della giornalista Rai Eva Giovannini, con i disegni di Michela Di Cecio, il volume è edito da Round Robin, una realtà consolidata nella saggistica, nella narrativa di giovani autori emergenti, nel giornalismo investigativo e nel graphic journalism, con titoli dal forte richiamo al sociale e alla lotta alle mafie. 

A quindici anni dalla morte della giornalista, Round Robin propone un graphic novel che torna indietro nel tempo, fino all’evento che sconvolse e lacerò l’opinione pubblica americana, cambiando il modo e il mondo dell’informazione: la guerra in Vietnam. 

Uno spaccato avvincente dell’esperienza di Oriana Fallaci nel Sud Est Asiatico, unica reporter donna, italiana su quel fronte di conflitto che diventa una delle voci più autorevoli e riconosciute del panorama giornalistico internazionale. 

Le autrici

Eva Giovannini, 10 settembre 1980. Giornalista, inviata e conduttrice Rai. È autrice del saggio Europa anno Zero – il ritorno dei Nazionalismi (Marsilio, RaiEri). Vincitrice del premio giornalistico “Altiero Spinelli” per gli studi europei (Ventotene, 2019). Membro del Comitato di Saggi sullo stato e le prospettive dell’Unione Europea, istituito dalla Presidenza della Camera (2017). Ha lavorato per i principali programmi di approfondimento televisivo, coprendo con reportage e dirette i più importanti fatti di attualità italiani e internazionali.

Michela Di Cecio, Capua, 2 luglio 1997. È una giovane artista di ventitré anni. Dopo il diploma di liceo scientifico inizia il viaggio nel mondo del fumetto a Napoli, presso la Scuola Italiana di Comix, dove segue prima corsi di disegno realistico e poi di illustrazione, fumetto e colorazione digitale. Si diploma nel 2020 e nello stesso anno riceve il primo incarico come professionista: Oriana Fallaci, realizzato in collaborazione con Eva Giovannini, è la sua prima graphic novel.

Taggato come , , , , , , , ,